Batterie per fotovoltaici: ecco perché sceglierle 

Batterie per fotovoltaici: come funzionano 

Associare un impianto fotovoltaico a delle batterie di accumulo elettrico permette un notevole risparmio in bolletta, che in alcuni periodi dell’anno può raggiungere quasi il 100%. Questo è possibile perché le batterie per fotovoltaici funzionano grazie ad un sistema di accumulo, quindi un sistema che, sfruttando degli accumulatori elettrici, raccoglie l’elettricità ridotta di giorno dall’impianto per poi renderla disponibile la notte, quando il fotovoltaico non produce. 

In poche parole, l’elettricità pulita prodotta dal fotovoltaico viene deviata verso due diverse vie, che, in ordine di importanza, sono:

  • l’utenza di casa per l’autoconsumo immediato 
  • le batterie per fotovoltaici, per il consumo nella fascia serale 

Le batterie per fotovoltaici sono sostanzialmente di due tipologie:

  • batterie al piombo e batterie al piombo/gel. Quelle al piombo hanno una durata di circa 2/3 anni, mentre quelle al piombo/gel durano circa cinque anni. Per queste batterie si considera circa il 50% di utilizzo.
  • batterie al litio, che sono simili a quelle degli apparecchi elettrici. Questo tipo di batterie per fotovoltaici hanno un prezzo di mercato maggiore, ma anche una durata e soprattutto un’efficienza maggiore rispetto alle precedenti. In genere hanno da dai dieci ai dodici anni di funzionamento e si considera l’80% di utilizzo.   

Batterie per fotovoltaici: ecco dove acquistarle 

Non tutte le batterie per fotovoltaici sono uguali e prima di sceglierle è necessario fare qualche semplice calcolo. In base al tipo di batteria che si deciderà di acquistare si potranno, infatti, adottare soluzioni diverse. Per ricevere una consulenza e acquistare le batterie per fotovoltaici più adatte ci si può rivolgere a Bruschini, azienda leader nel settore degli impianti fotovoltaici. 

Installare i pannelli fotovoltaici e immagazzinare contemporaneamente nelle batterie parte dell’energia prodotta di giorno, consente, quindi, di aver a disposizione energia pulita anche durante le ore serali. Si tratta, senza dubbio, del mondo migliore per sfruttare al massimo il proprio impianto fotovoltaico e aumentare il già possibile l’autonomia dalla rete elettrica.