Come fare rafting sul fiume Lao

Il rafting è un’attività sportiva outdoor ricreativa, dove si utilizzano dei gommoni gonfiabili chiamati Raft, sport relativamente recente, nato ufficialmente in Italia nel 1987. Grazie alla volontà di un gruppo di appassionati che, al fine di promuovere e diffondere quest’attività, fondarono l’Associazione Italiana Rafting (A.I.Raft), oggi divenuta Federazione Italiana Rafting che dal 2010 riconosciuta dal Coni come disciplina sportiva associata alla Federazione Italiana Canoa Kayak (FICK). Chi pratica rafting, si cimenta nella discesa di rapide in fiumi o torrenti che a seconda del grado di difficoltà regalano momenti adrenalinici. Normalmente un equipaggio è formato da 7 persone, sei passeggeri che grazie all’utilizzo delle pagaie sono la forza propulsiva e una guida che attraverso dei comandi e le proprie capacità crea delle traiettorie divertenti e sicure

La Calabria è una regione che si presta particolarmente alla pratica degli sport all’aperto. Il suo territorio comprende, infatti, circa 800 km di costa, lungo i quali si susseguono località balneari e splendide spiagge, ma anche un entroterra montuoso davvero suggestivo che comprende, tra le altre cose, il Parco Nazionale del Pollino, il Parco Nazionale della Sila, il Parco Nazionale dell’Aspromonte e il Parco Naturale Regionale delle Serre.

Il luogo più apprezzato dagli sportivi per fare rafting in Calabria è il fiume Lao, che nasce in Basilicata a oltre 2000 metri s.l.m. sulla Serra del Prete – una delle vette principali del Parco Nazionale del Pollino – con il nome di Mercure, per poi scorrere verso la Calabria, dove in corrispondenza delle località di Laino Borgo e Laino Castello vi confluiscono i torrenti Battendiero e Jannello, e cambia nome in Lao. Il fiume prosegue la sua corsa verso il mare dando vita alla Riserva Statale Valle del Fiume Lao prima di sfociare nel Tirreno presso il territorio comunale di Scalea.

Il rafting sul fiume Lao è un’attività adrenalinica ma, se praticata affidandosi a professionisti esperti, è alla portata di tutti, anche delle famiglie con bambini, che sul Pollino trovano le condizioni ideali e pacchetti appositamente pensati.

Una natura spettacolare è il teatro delle manovre tra gli schizzi dell’acqua del fiume che si snoda tra strette gole e impegnative rapide, dove una vegetazione rigogliosa e scorci mozzafiato accompagnano la discesa: nella zona tra Laino Borgo e le Grotte del Romito in località Campicello, ad esempio, il Lao attraversa un suggestivo canyon roccioso, mentre nel tratto da Campicello fino a Papasidero cambia lo scenario tra cascate, fossili, grotte e ponti di legno.

In Calabria esistono alcune società sportive che propongono questo sport a diversi livelli di difficoltà, garantendo sicurezza ed equipaggiamento adeguato, come il giubbotto salvagente, la muta e il caschetto, non prima di avere fornito un briefing in cui si spiegano principi e dinamiche, ma soprattutto i comandi da seguire per coordinarsi con gli altri membri dell’equipaggio e spingere il gommone nella giusta direzione. Noi ti suggeriamo di affidarti a Centro Avventura Lao: troverai i migliori tour ai prezzi più competitivi sul mercato.