Psicologo: una panoramica generale

La professione dello psicologo padova è, da sempre, molto ambita. Il compito di questi professionisti è quello di parlare, analizzare i comportamenti e i pensieri dei pazienti, cercando di risolvere i loro problemi. Lavorare come psicologo è sicuramente molto appagante: questa importante figura professionale, infatti, è quella che si occupa della prevenzione, della diagnosi, della abilitazione o riabilitazione e del sostegno in ambito psicologico di persone singole oppure di interi gruppi o comunità.

La professione di psicologo “Comprende l’uso di strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, la riabilitazione, le attività di sostegno rivolte a persone, gruppi, organismi sociali e comunità, la sperimentazione, la ricerca e l’attività didattica”. Il cammino per intraprendere questa carriera è lungo e impegnativo, prima di pensare di intraprenderla è bene essere convinti e sicuri che questa scelta di vita sia la più giusta e si deve essere pronti a studiare molto e fare molta pratica.

Non è un mestiere per tutti

Diventare uno psicologo è una vera e propria vocazione. Oltre a capire il prossimo, la professione dello psicologo è una scelta che si abbraccia in base alla propria personalità e che richiede sensibilità e propensione allo studio, sempre! Se ritieni di avere questi requisiti e vuoi diventare uno psicologo, non esitare, inizia subito a studiare e persegui i tuoi obiettivi. A livello giuridico, in Italia il lavoro dello psicologo è riconosciuto dalla legge n. 56 del 1989 e più recentemente, nel 2017, il Ddl Lorenzin, entrato in vigore con la legge n. 3 del 2018, lo ha riconosciuto come una vera e propria professione sanitaria.

Il lungo iter da sostenere

Il percorso per diventare uno psicologo non si conclude con il conseguimento delle due lauree, una triennale ed una specialistica di due anni. È necessario, infatti, completare l’iter con ulteriori tre operazioni: svolgere gratuitamente un tirocinio professionalizzante della durata di un anno, sostenere l’Esame di Stato e, infine, iscriversi ad un albo professionale dell’Ordine degli psicologi, solitamente quello della propria regione, per poter finalmente essere abilitati all’esercizio della professione.